Casa dello Spirito e delle Arti
CASA DELLO SPIRITO
E DELLE ARTI
Fondazione San Gennaro

L'artista di fama mondiale Sting si unisce alla regista Trudie Styler per sostenere "Metamorfosi" un progetto culturale e di conoscenza della Fondazione Casa dello Spirito e delle Arti.

Nei mesi scorsi Sting si è esibito nel carcere di Secondigliano a Napoli, utilizzando strumenti musicali unici recuperati dalle barche dei migranti e costruiti da persone detenute nelle carceri di Milano - Opera e Napoli - Secondigliano.

Qui sono impiegate 9 persone detenute e 5 maestri liutai, i beneficiari della nostra raccolta fondi.

In un virtuoso ciclo di rigenerazione con Metamorfosi i legni delle barche dei migranti vengono trasportati dal molo Favarolo di Lampedusa in alcune carceri italiane tra cui Milano Opera e Napoli Secondigliano e qui vengono trasformati in strumenti musicali.

Questi diventano veicolo ideale di riflessione sulla condizione umana e su tutte le persone costrette a fuggire da guerre, persecuzioni e fame.

E diventano anche strumento di reintegrazione sociale e lavorativa per le persone detenute coinvolte nell’opera artistica aiutati da liutai e falegnami.

Sono 100 le imbarcazioni provenienti da Lampedusa che hanno raggiunto la Casa di Reclusione Milano - Opera e il carcere di Secondigliano a Napoli, dove il progetto ha preso forma con la collaborazione della Fondazione Comunità San Gennaro, dando vita ad un laboratorio di falegnameria/liutaio all'interno del carcere.

Proprio qui l'iconico artista Sting, a cui è stata donata la prima chitarra realizzata nel carcere, in occasione delle riprese del documentario “Posso entrare? An Ode to Naples”, per la regia di Trudie Styler, (produzione Big Sur, Mad Entertainment con Rai Cinema in coproduzione con Luce Cinecittà) si è esibito in una commovente "Fragile" con il "Quartetto del Mare". La realizzazione del video ha trovato il sostegno della Fondazione Con il Sud e delle numerose maestranze d’onore che hanno donato la loro arte a titolo gratuito.

Metamorfosi è realizzato con Intesa Sanpaolo, Fondazione Cariplo, Fondazione Peppino Vismara, Fondazione della Comunità di Monza e Brianza. In collaborazione con il Dipartimento di Amministrazione Penitenziaria e l'Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli.

Unisciti a Sting e Trudie Styler.

Sostieni il progetto Metamorfosi!

É possibile donare anche tramite bonifico bancario

IBAN: IT35O0306909606100000162127

Intestato a: Cooperativa Casa dello Spirito e delle Arti.

L'artista di fama mondiale Sting si unisce alla regista Trudie Styler per sostenere "Metamorfosi" un progetto culturale e di conoscenza della Fondazione Casa dello Spirito e delle Arti.

Nei mesi scorsi Sting si è esibito nel carcere di Secondigliano a Napoli, utilizzando strumenti musicali unici recuperati dalle barche dei migranti e costruiti da persone detenute nelle carceri di Milano - Opera e Napoli - Secondigliano.

Qui sono impiegate 9 persone detenute e 5 maestri liutai, i beneficiari della nostra raccolta fondi.

In un virtuoso ciclo di rigenerazione con Metamorfosi i legni delle barche dei migranti vengono trasportati dal molo Favarolo di Lampedusa in alcune carceri italiane tra cui Milano Opera e Napoli Secondigliano e qui vengono trasformati in strumenti musicali.

Questi diventano veicolo ideale di riflessione sulla condizione umana e su tutte le persone costrette a fuggire da guerre, persecuzioni e fame.

E diventano anche strumento di reintegrazione sociale e lavorativa per le persone detenute coinvolte nell’opera artistica aiutati da liutai e falegnami.

Sono 100 le imbarcazioni provenienti da Lampedusa che hanno raggiunto la Casa di Reclusione Milano - Opera e il carcere di Secondigliano a Napoli, dove il progetto ha preso forma con la collaborazione della Fondazione Comunità San Gennaro, dando vita ad un laboratorio di falegnameria/liutaio all'interno del carcere.

Proprio qui l'iconico artista Sting, a cui è stata donata la prima chitarra realizzata nel carcere, in occasione delle riprese del documentario “Posso entrare? An Ode to Naples”, per la regia di Trudie Styler, (produzione Big Sur, Mad Entertainment con Rai Cinema in coproduzione con Luce Cinecittà) si è esibito in una commovente "Fragile" con il "Quartetto del Mare". La realizzazione del video ha trovato il sostegno della Fondazione Con il Sud e delle numerose maestranze d’onore che hanno donato la loro arte a titolo gratuito.

Metamorfosi è realizzato con Intesa Sanpaolo, Fondazione Cariplo, Fondazione Peppino Vismara, Fondazione della Comunità di Monza e Brianza. In collaborazione con il Dipartimento di Amministrazione Penitenziaria e l'Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli.